Il 1° Contest ‘In cucina con il Soave’ svoltosi in occasione del Soave Versus nel Palazzo della Gran Guardia a Verona, si è concluso da pochi giorni e come promesso vi racconto la finale  del 4 settembre, di cui sono stata con grande piacere una delle protagoniste.

Il concorso, organizzato da Esperienze gustose,Consorzio di tutela vini Soave, Ifood, prevedeva di abbinare al Soave un piatto,preferibilmente del proprio territorio, rivisitato in chiave estiva per colori e sapori.

Ho partecipato, all’inizio di agosto, con il polipo in coppa di bieta e polenta, rivisitazione di un  classico della cucina marinara di Civitanova Marche  che trovate descritto dettagliatamente nel mio post.Polipo in coppa di bieta e polenta

Verso la fine del mese mi comunicano che la mia proposta è stato selezionata  tra le tre ricette finaliste  per partecipare al cooking show del 4 settembre. Fantastico!

Tornata da poco dalle vacanze, ho pensato che non ci poteva essere inizio migliore per la stagione culinaria 2016/2017.

La partenza è fissata per la domenica mattina, visto che la gara si svolge intorno alle 20.

Da programma sono l’ultima a presentare il piatto: dalle 20.40  ho 15 minuti per finire l’impiattamento davanti ai giudici, personaggi di primo piano che devo confessare, da casa, mi incutevano un po’ di soggezione.

Presidente Alessandro Scorsone e poi  Fabio Potenzano,  Francesca Marsetti, Anna Gobbi, Stefania Storai: bella giuria, no?! Già questo mi convince che sarà certamente una bella esperienza.

ingresso

Mi  presento all’orario concordato  e sono la prima  perché devo predisporre la cottura della polenta e del polipo che richiedono una preparazione più lunga rispetto alle ricette delle altre concorrenti.

Conosco  così Anna Gobbi e Paola Castellani, che mi hanno garantito il loro supporto con simpatia e professionalità  prima, durante e dopo la gara.

In cucina  trovo lo chef Valentino Scandolara  (che  si occupa della gestione delle attrezzature tecniche), con il quale condivido  piacevolmente i fornelli per circa  2 ore,  scambiando qualche chiacchiera che serve a placare un po’ di tensione.

L’arrivo delle altre concorrenti, che dispongono le loro cose e si apprestano a preparare il loro piatto, mi ricorda che si sta avvicinando il momento della gara.

Daniela Boscariolo è una food blogger d’esperienza , di cui conosco la bravura virtualmente, perché ogni tanto visito il suo blog .

Giorgia ed Elsa  sono invece giovani food blogger come me.

Non c’è purtroppo molto tempo e spazio per approfondire la conoscenza personale e soprattutto di assaggiare i reciproci piatti.

Abbiamo comunque modo di parlare un po’ negli ultimi minuti prima della presentazione.

Ore 21.00 : è il mio turno. Sono stranamente piuttosto calma; ci sono stati dei  piccoli disguidi di percorso come,  succede in tutti i contest,  ma sono soddisfatta comunque.

Le coppette  sono quasi pronte, mancano gli ultimi ritocchi, che farò davanti ai  giudici.

Quando arrivo nella postazione ufficiale, incomincio a descrivere  il piatto, parlo delle  sue origini e della ragione della mia scelta.

La finale del Contest Soave Versus

Per me che non sono una sommelier, l’abbinamento con il Soave è nato dall’idea di esaltare la mineralità e  gli aromi floreali del vino, con un piatto che unisce  gli ingredienti di mare e di terra, propri della ricetta originaria, che ho scelto di trattare con cotture semplici  e non prolungate per esaltare la freschezza del tutto.

La giuria, mentre completo il piatto con un ultimo filo di olio al rosmarino, pone le sue domande e dopo l’assaggio ,esprime il  proprio parere. Sono tutti veramente gentili ed affabili ed accolgo con grande piacere il loro autorevole giudizio.

La finale del Contest Soave Versus

Durante la breve pausa, che serve alla giuria  per scegliere la vincitrice, raggiungo finalmente mio marito e mio figlio in sala, che mi hanno seguito in questa avventura.  Sono soddisfatti del lavoro che ho svolto e della mia presentazione. Bene!! Tengo molto al loro giudizio:  a casa sono loro i miei ‘giudici ‘ di riferimento.

Arriva il momento del verdetto.

Il primo posto va a Daniela con i suoi gnocchi con la fioretta al pesto di salvia ananas.

A me spetta il secondo posto!

La finale del Contest Soave Versus

Un grande risultato per  l’unica concorrente proveniente da fuori regione.  Sono contenta di aver difeso con onore i sapori della cucina marchigiana, seppur rivisitata, in terra veneta.

La finale del Contest Soave Versus

Ricevo in premio  dei vini Soave,una My Cooking Boxe e il caffé di Manifattura Caffé.

Dopo le foto di rito e qualche chiacchiera  ancora con i giudici, è arrivato il momento, anche per me, di festeggiare con un calice di fresco Soave!

La finale del Contest Soave Versus

Salva

Salva

Salva

Rispondi