Frittata con patate taleggio e fiori di salvia

Non ho un gran pollice verde. Dico sempre che in casa mia le piante presenti  sono l’esempio della selezione naturale:solo le più forti riescono a sopravvivere, perché io non dedico loro nessuna attenzione. Giusto l’acqua ogni tanto.La salvia del balcone rientra fra queste. Ogni inverno diventa così scheletrica, che una persona normale si impietosirebbe vedendola. Io no. Ormai so  che senza fare nulla, con l’arrivo della primavera riprende vita. Anzi, l’aspetto ogni volta per vedere se si rinnova il ‘miracolo’.
Così anche quest’anno sono tornati foglie e fiori. Fiori che sono bellissimi e che,un paio di anni fa, ho deciso di trasportare dal vaso nel piatto. Hanno il gusto della salvia e arricchiscono con sapore e colore una semplice frittata,facendola diventare una gioia per gli occhi e per il palato.
Oggi  Giornata Nazionale della Frittata per il Calendario del Cibo Italiano ve la propongo in una versione un po’ più ricca, con patate e una crema al taleggio, ma se andate di fretta potete  farla solo con  uova e  parmigiano. L’aggiunta dei fiori di salvia darà comunque la sua nota diversa  e particolare.

Frittata con patate taleggio e fiori di salvia

Frittata con patate taleggio e fiori di salvia

 

Ingredienti
6 uova
4/5 cucchiai di latte
30 g di parmigiano grattugiato
4 patate di media dimensione
100 g di taleggio
olio
sale
pepe
fiori di salvia lavati ed asciugati
Lessare le patate, sbucciarle e schiacciarle. Farle raffreddare. Sbattere le uova molto bene con un frusta, aggiungere nell’ordine 2 cucchiai di latte,il parmigiano, 1/2 cucchiaio di olio, 50 g delle patate schiacciate e qualche fiore di salvia lavato ed asciugato.Mescolare bene il tutto. Versare il composto in una  pirofila rivestita di carta forno leggermente unta di olio.
Far cuocere in forno a 160° per 20/25 minuti.
Nel frattempo  tagliare a dadini il taleggio privato della buccia.Farlo sciogliere  a fuoco basso con un po’ latte (3/4 cucchiai) in un pentolino , aggiungere le patate rimanenti. Mescolare velocemente perché tende ad addensare in fretta. Togliere dal fuoco e continuare per qualche minuto a  mescolare per eliminare eventuali grumi. Regolare di sale e di pepe. Distribuire il composto in una sac a poche con beccuccio liscio o a stella.
Quando la frittata è pronta, estrarla  dalla pirofila e dividerla a quadretti. Aspettare qualche minuto ( io avevo fretta e la crema si è inevitabilmente rilassata un po’) e formare dei ciuffi  di crema al taleggio su ogni  quadretto. Decorare  con i fiori di salvia. 
Se la servite fredda, mettete la crema  quando la frittata non è calda in modo che la crema non perda  la forma.

Frittata con patate taleggio e fiori di salvia

 

 

 

 

Il mio Kheer Rice Pudding per il Club del 27

Con questa nuova ricetta  preparata per il Club del 27 vi porto in India.  Per chi avesse perso la scorsa puntata ricordo che il Club del 27, costola del MTChallenge, è formato da foodblogger e non,  che ogni mese,il 27 appunto, cucinando confrontandosi  e soprattutto divertendosi, ripropongono ricette  di un tema comune a loro assegnato, un tema del mese di passate edizioni della sfida MTC .  Questo  mese visto che la sfida MTChallenge riguarda sul sartù,  il tema del Club del 27, per attinenza ha come argomento il riso e principalmente  il risolatte, nelle varie declinazioni  nazionali che sono state descritte da Simonetta Nepi.

Devo dire che non amo particolarmente questo tipo di preparazione, ma il bello di far parte del gruppo  è anche quello  di  essere spinti a provare cose nuove, senza correre il  rischio di far prendere il sopravvento alla solita  routine o all’insidia della  consuetudine. E allora questo mese di fronte ad un elenco di piatti, molti dei quali non avevo mai sentito nominare,  mi sono detta: ‘Proviamo! Magari scopro una novità interessante.’

Mi ha subito incuriosito il Kheer Rice pudding, un  cremoso dolce indiano a base di riso,latte, spezie e frutta secca.

Mi  ha sempre attirato la cucina indiana anche se ho avuto poche occasioni di provarla, e poche volte di prepararla. Tuttavia  alcune delle spezie che la caratterizzano le uso spesso, in casa, per dare un sapore diverso ai piatti di tutti i giorni e così visto il materiale a disposizione la scelta è stata veloce. 

La ricetta in questione non è stata difficile da preparare, ma non avendola mai assaggiata non sapevo fino a che punto spingere la cottura del riso, per cui ho spento 5 minuti prima di quanto indicato, in quanto il pudding mi sembrava già abbastanza cremoso. Il risultato? Piacevole, anche se un po’ lontano dalle mie corde (adoro tutto ciò che scrocchia). Sarei proprio curiosa di confrontarlo con quello autentico.

Ingredienti (per 3 persone)*

2 tazze di latte
1/2  tazza di riso a grani lunghi (basmati)
2 semi di cardamomo
una punta di cucchiaino di zafferano (in molte ricette non è previsto)
2 cucchiai di zucchero
Mandorle a lamelle, uva passa, pistacchi, pinoli

Mettete a mollo il riso per un paio d’ore in acqua tiepida. Sgranatelo con le mani e colatelo.
Mettete a scaldare il latte a fuoco medio unite il cardamomo e lo zafferano precedentemente disciolto in poco latte.
Appena il latte arriva a ebollizione versare il riso e cuocere a fuoco lento mescolando ogni 5 minuti per 45-50 minuti, sino a che sia ben cremoso.
Unite lo zucchero e l’uva passa e la frutta secca.  Lo zucchero farà diventare di nuovo liquida la preparazione, continuando a rimestare sino a che torni cremosa.
Versare nelle coppette e servire freddo, ma alcuni lo mangiano anche tiepido.

Kheer Rice Pudding

*Note
Rispetto alla ricetta originale ho dimezzato le dosi e sostituito gli anacardi con pinoli.
La cottura ha richiesto più latte della ricetta di base per cui ne ho aggiunta un’altra tazza calda durante la cottura.

 

 

 

Torta cookie con smarties e M&M’s

Ho visto questa la  torta cookie con smarties e M&M’s  nel blog Dolcemente Inventando e me ne sono subito innamorata.
Ho letto gli ingredienti e mi è venuta l’acquolina in bocca:una torta con la consistenza del cookie americano con l’aggiunta di cioccolato, smarties e M&M’s .
Con un procedimento  così  facile da seguire, ho pensato che nel giro di qualche giorno l’avrei provata.
Tornata a casa, ho scoperto che avrei dovuto preparare un dolcetto per una ragazza che ama molto il cioccolato. Perfetto!
Appena sparecchiata la tavola, dopo cena, eccomi  già all’opera.  Per una  magica combinazione avevo quasi tutto quanto mi  serviva in dispensa!
Con 15 minuti  l’impasto era pronto ed infornato. Che volere di più?
Io non l’ho provata, ma mio figlio ha detto che era buonissima, per cui dovrò certo riprepararla quanto prima.

Torta cookie con smarties e M&M's

Torta cookie con smarties e M&M’s

Ingredienti per uno stampo di 22cm

230 g di farina 00
90 g di nocciole tritate grossolanamente
70 g di zucchero di canna
70 g di zucchero semolato
120 g di burro morbido
1 uovo grande
la polpa di mezza bacca di vaniglia o 1 cucchiaino di estratto di vaniglia
8 g di lievito per dolci
mezzo cucchiaino di bicarbonato
1 pizzico di sale
100 g di  cuetti o gocce di cioccolato fondente
130 g tra smarties e M&m’s
Montate il burro morbido con lo zucchero di canna,quello semolato e la vaniglia fino ad ottenere una crema.
Aggiungete l’uovo e fatelo incorporare velocemente con le fruste, unite la farina setacciata con il lievito, il bicarbonato e il sale. Mescolate con  le fruste velocemente.Aggiungete le nocciole e quasi tutte  le gocce di cioccolato. Unite metà degli  Smarties e M&M’s girando affinchè si distribuiscano nel composto.
Mettete il composto in uno stampo a cerniera imburrato e infarinato e livellate bene.
Disporre in superficie i pezzettini di cioccolato,gli M&M’s e gli smarties rtenuti da parte. Infornate a 180° in forno già caldo per circa 25-30 minuti. Fate la prova stecchino: la torta a cottura ultimata risulterà dorata e gonfia, come un tipico cookie americano.
Lasciate raffreddare almeno un’ora prima di servire. E’ ancora più buona se la mangiate il giorno dopo. Si può conservare a temperatura ambiente per 4/5 giorni.

Torta cookie con smarties e M&M's

Torta di pangrattato amaretti e cioccolato

THE RECIPE-TIONIST. E’ la prima volta che partecipo a questo gioco-contest tra blogger ideato da Flavia del blog Cuocicucidici. Mi è piaciuta molto l’idea di base di andare a  cercare  tra le ricette di un’altra blogger per  sceglierne una da rifare. Si ha modo così di lasciare da parte la solita fretta e fare una conoscenza più approfondita di  colleghe e dei loro blog. Così per lo meno è stato per me che da poco più di anno sono ufficialmente presente  nel web e non posso sempre dedicare tutto il tempo che vorrei ad ampliare le mie conoscenze.

Questo mese  ci ha aperto le porte Patrizia del blog Andante con gusto,che ha vinto la gara del mese scorso.  Vi consiglio di fare un giro da quelle parti, come dice una mia amica, perché nel  suo blog ci sono ricette di ogni tipo, dolci e salate e tutte veramente interessanti. Io ci ritorno sicuro.

Reduce dalla preparazione di torte di compleanno varie, ho scelto di replicare una torta molto semplice ‘La torta di pangrattato amaretti e cioccolato’  che mi ha subito intrigato per la consistenza. Incuriosita dalla presenza  di ingredienti un po’ diversi dal solito e dalla semplicità della preparazione, ho pensato:’ Vuoi vedere che questa è una di quelle torte semplici ma efficaci?’ Così io definisco quei dolci che  puoi decidere di fare  in ogni momento, sicura del risultato e che non sono scontati.

Torta di pangrattato amaretti e cioccolato

Ho provato e vi dico che è proprio così. Morbida senza burro, né farina, pangrattato, amaretti e cioccolato ( ho sostituito il fondente con quello al latte) danno quella nota croccante che cerco sempre nei dolci.Questa torta mi è piaciuta tantissimo e sarà un’ottima scusa per smaltire il pane secco da oggi in poi.

Torta di pangrattato amaretti e cioccolato

Eccovi dunque la ricetta secondo le istruzioni di Patrizia

Ingredienti per uno stampo da 20 cm di diametro.
200 g di pangrattato
200 g di amaretti sbriciolati
200 g di zucchero
250 g di panna da cucina fresca
100 g di cioccolato fondente tritato grossolanamente (io al  latte)
3 uova (tuorli e albumi separati)
una bustina di lievito per dolci
un cucchiaino di estratto di vaniglia
zucchero a velo per finire
Mettete la panna in una ciotola, aggiungete lo zucchero e mescolate con un cucchiaio.
Aggiungete uno alla volta, i tre tuorli e mescolate con una frusta per amalgamare bene.
Aggiungere il pangrattato, gli amaretti sbriciolati, il cucchiaino di essenza di vaniglia ed il lievito setacciato. Mescolate con cura con un cucchiaio.
Montate gli albumi a neve e poi con estrema delicatezza uniteli al composto, mescolando sempre dal basso verso l’alto, utilizzando una spatola di gomma.
Per ultimo aggiungete il cioccolato e date un’ultima mescolata.
Versate in una teglia imburrata e coperta da carta da forno e cuocete a 180° per c.ca 40 minuti. Fate sempre la prova stecchino.
Lasciate raffreddare, cospargete abbondantemente con zucchero a velo quindi servite. Meravigliosa accompagnata da crema inglese o al mascarpone! 

Con la torta di pangrattato, amaretti e cioccolato partecipo al The Recipe-Tionist  di Gennaio- Febbraio 2017

 

 

Salva

Plumcake con farina di mais cioccolato e mirtilli

Con il freddo di queste giornate,come fai a non pensare  al sole e ai caldi colori dell’estate? Se nel contempo stai per mettere mano alla rivisitazione della ricetta del Plumcake, tratta dal libro ‘Croissant e Biscotti’ di Luca Montersino per la sfida del Crazy Test del mese, l’unica cosa da fare è cercare di mettere un po’ di colore  che fa sempre allegria.
Allora, il cedro ce l’ho, arancia e liquore di arancia, pure. Vada per i mirtilli per un po’ di contrappunto di sapore e colore. 
Manca ancora qualcosa…..No, non si tratta del cioccolato bianco che è stata la prima cosa tirata fuori dagli scaffali! 
Ci siamo!! Per ottenere il tono giusto di colore proverò ad aggiungere un po’ di farina di mais  all’impasto e per dare un profumo mediterraneo sostituirò la vaniglia con il rosmarino.
E’ stata un’idea felice perché oltre al colore, la farina aggiunge una lieve granulosità all’insieme che trovo una sensazione piacevole. Anche la nota del rosmarino ci sta bene, io l’ho inserito con prudenza per evitare di rendere troppo amaro il tutto, ma a conti fatti qualche aghetto in più  lo aggiungerei la prossima volta.
Il plumcake è sparito dopo poche ore  e non ho fatto  neanche in tempo a provarlo con una tazza di tè, come mi ero ripromessa!Plumcake con farina di mais cioccolato e mirtilli

 

Plumcake con farina di mais cioccolato e mirtilli

Dosi per 1 stampo 10 x 25
85 g di burro a temperatura ambiente
100 g di zucchero a velo
85 g di uova (2 uova circa )
120 g di farina 00
50g di farina di mais
4 g di lievito in polvere
45 g di latte intero fresco
18 g di liquore all’arancia
80 g di cioccolato bianco
40 g di mirtilli
40 g di cedro candito
buccia grattugiata di arancia
un rametto di rosmarino

Montate in planetaria o con un frullino il burro a temperatura ambiente con lo zucchero a velo, la buccia di arancia fino a che ottenete una crema gonfia e bianca; a questo punto unite a filo le uova, il latte e infine a mano, mescolando dal basso verso l’alto, le farina setacciate con il lievito e il rosmarino tritato molto finemente.
Completate l’impasto aggiungendo i mirtilli ( precedentemente ammollata nel liquore riscaldato e ben strizzati), i canditi leggermente infarinati, il cioccolato a pezzetti e il liquore all’arancia.
Riempite con l’impasto lo stampo e cuocete in forno preriscaldato a 220°C per 5-6 minuti, poi abbassate la temperatura a 170° C e lasciate cuocere per altri 10-12 minuti.
Fare sempre la prova stecchino prima di togliere dal forno.

Plumcake con farina di mais cioccolato e mirtilli

Con questa ricetta partecipo al Contest ” Crazy Taste” del Cakes Lab Test & Taste”

 

Salva

Cupcakes all’albicocca

Non posso dare un mio giudizio  sul gusto di questi cupcakes all’albicocca, perché, pronti in frigo, sono diventati il dessert di una cena improvvisata da Edoardo e i suoi amici.Così io  non ho avuto modo di assaggiarli.  A loro  sono piaciuti,  per cui sono  contenta .Sono ‘costretta’  a  rifarli se voglio avere la mia opinione personale!!!!

Ho  seguito  abbastanza fedelmente la ricetta indicata dal Cakes Lab Test & Taste di questo mese,  perché ,per preparare questi cupcakes, avevo davvero poco tempo, ma ci tenevo a partecipare e  volevo dedicare un ‘pochino’ più di  attenzione  alla decorazione. Ho circondato le albicocche con dei petali di glassa per creare  velocemente dei dolcetti colorati ed allegri intonati all’estate che speriamo arrivi presto.

Cupcakes all’albicocca

Cupcakes all'albicocca

Per  6 cupcakes
150 gr. di farina integrale
1 cucchiaino e 1/2 di lievito per dolci
60 gr. di burro ammorbidito
90 gr. di  miele
100 gr. di yogurt all’albicocca
1 uovo
la scorza grattugiata di un limone bio
½ cucchiaino di estratto di vaniglia
1 pizzico di sale
100 gr. di  albicocche a dadini
         Per la glassa
250 gr. di formaggio fresco spalmabile  light
50 gr. di miele
3 piccole  albicocche
una manciatadi mandorle a lamelle
 
Preriscaldate il forno a 180°. Rivestite una teglia per cupcakes con i pirottini di carta o imburrate degli stampini usa e getta
Mescolate la farina, il lievito e il sale in una ciotola. In un’altra ciotola lavorate il burro 4 minuti circa con le fruste elettriche. Aggiungete un cucchiaio colmo di misto di ingredienti secchi, frullate qualche istante e poi aggiungete l’uovo; sbattete qualche altro minuto, o finché non avrete ottenuto un composto omogeneo e morbido (se dovesse dare l’impressione d’impazzire, aggiungete un altro cucchiaio di farina). A questo punto, con un cucchiaio di metallo o una spatola, incorporate il resto della miscela secca, lo yogurt, il miele, l’estratto di vaniglia e la scorza di limone. Per ultimo aggiungete la frutta  a dadini. Versate il composto con un cucchiaio negli stampi preparati e infornate 12-15 minuti.
Togliete dal forno e trasferite su una griglia metallica a raffreddare.
Per preparare la glassa lavorate il formaggio fresco  con 30 g  di miele fino a quando il composto non sarà liscio. Sbucciate le albicocche e tagliatele  a metà.  Sciogliete il miele rimanente in un padellino. Cuocete leggermente le albicocche .Mescolate lo sciroppo leggermente raffreddato  con la glassa al formaggio.
 Versate la glassa in una sac a poche munita di punta ‘effetto petalo. Formate su ogni cupcake una corolla e disponetevi  sopra metà albicocca. Completate la decorazione con le mandorle.cup1
Con questa ricetta partecipo al Contest ” Crazy Taste” del Cakes Lab Test & Taste

Contest

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Crumble di pere banane amaretti e pepe di Sichuan

Questo crumble di pere banane amaretti e pepe di Sichuan è un dessert di fine pasto facilissimo da preparare. La sua crosticina croccante unita alla morbidezza della frutta lo rende molto piacevole da gustare in ogni stagione, anche d’estate,  se accompagnato da una pallina di gelato alla vaniglia. La ricetta di base è quella della sfida di maggio del Cakes Lab Test&Taste. che ho personalizzato come richiede il regolamento  anche con la nota esotica del pepe di Sichuan .

Crumble di pere banane amaretti e pepe di Sichuan

Crumble di pere banane amaretti e pepe di Sichuan

Ingredienti per 4 porzioni
500 g di pere ( 4 pere piccole)
250 g di banane
60 g di farina
60 g di zucchero di canna
70 g di burro freddo
1 cucchiaino di cannella
un pizzichino di pepe  di Sichuan
20 g di amaretti sbriciolati abbastanza finemente
Sale
50 g di mandorle
una spruzzata di rum
mezzo limone
Scaldate il forno a 180°. Sbucciate le pere, tagliate la parte superiore in unico pezzo e la parte rimanente a cubetti. Tagliate la banana a cubetti. Spruzzate la frutta con il succo di limone.
Preparate il crumble: mescolate in una terrina la farina con lo zucchero, gli amaretti e il sale Unite 50 g del burro freddo tagliato a dadini e lavorate gli ingredienti con la punta delle dita in modo da ottenere tante briciole, infine aggiungete le mandorle tritate grossolanamente con un coltello, un cucchiaino di cannella e il pepe.Mescolare.
Ungete con il burro rimasto  2 pirofiline da forno . Distribuite sul fondo la frutta ad esclusione della testa della pera, spruzzatele con un goccio di rum, quindi coprite la superficie con parte del crumble, appoggiate la mezza pera al centro e distribuite il crumble rimanente in modo da lasciare fuori una parte della pera.
Cuocete per 20-25 minuti o fino a quando  la copertura è dorata e la frutta sottostante morbida.
Sfornate e servite tiepido.

Crumble di pere banane amaretti e pepe di Sichuan

Con questa ricetta partecipo al Contest ” Crazy Taste” del Cakes Lab Test & Taste

Crumble di pere, banane, amaretti e pepe di Sichuan

Torta di mele e noci di zia Nerina

Da quando mia zia Nerina mi ha dato la ricetta di questa torta di mele e noci, un paio di mesi fa, l’avrò preparata almeno 5 volte ( quasi un record per me, visto che cerco di provare sempre nuove ricette), perché è semplice ma di sicura riuscita e l’ho quindi catalogata fra le ricette da tenere a portata di mano.
E’ pur vero che ogni volta ho apportato qualche variante, ma in ogni caso la torta è venuta buonissima, morbida, per via delle mele che si amalgamano perfettamente nell’impasto.
E’ facile e veloce da fare e tra gli ingredienti non prevede né latte né burro,per cui va benissimo anche per gli intolleranti al lattosio.
Nella foto  scattata di corsa la torta è decorata  con noci caramellate, ma se non si ha tempo va benissimo una spolverata di zucchero a velo.

Visto che oggi nel Calendario del Cibo Italiano è la giornata dei Dolci da credenza su cui Paola ha scritto un bellissimo articolo che vi invito a leggere, mi sembra l’occasione giusta per condividere con voi questa ricetta facilissima che vi consiglio di provare.

Torta di mele e noci

Torta di mele e noci

Ingredienti per uno stampo da 24cm.

3 uova
300 gr di farina
100 gr di zucchero
½ bicchiere di olio
½ bicchiere di cognac o marsala
1 bustina di lievito
2 piccole mele tagliate a cubetti
Succo di ½ limone
120 gr di noci sgusciate e tritate non troppo finemente + quelle per la decorazione
120 gr di uvetta

Accendere il forno a 180°.
Mettere a bagno l’uvetta nel cognac.
Sbucciare le mele, tagliarle a cubetti e bagnarle con poco succo di limone per non farle annerire.
Sbattere l e uova con lo zucchero finchè il composto non risulta spumoso.
Aggiungere l’olio e sempre mescolando, la farina setacciata con il lievito, l’uvetta e il liquore. Da ultimo unire le noci e le mele.
Versare nello stampo imburrato e infarinato e cuocere per circa 40 minuti. Fare la prova stecchino prima di togliere dal forno.

Una volta raffreddata cospargere di zucchero a velo.

Semplice, non è vero?

Se volete aggiungere le noci ( per decorazione preparate un caramello con 70 gr di zucchero e 35 gr di acqua). Quando lo zucchero  sciolto inizia ad imbiondire, intingere le noci,aiutandosi con una pinza. Posizionare le noci  sulla torta quando sono ancora tiepide per farle meglio attaccare alla superficie.

 

torta di mele noci

 

Rotolo fiorito con crema al mascarpone e confettura di fragole

Non so se dalle vostre parti è così, ma qui da me sono ormai due giorni che il tempo ci ha fatto ripiombare in un clima autunnale. Per consolarsi cosa c’è di meglio di un dolcino? Veloce da preparare, ma che riscaldi  la giornata ed il cuore! Ho pensato ad un rotolo fiorito con crema al mascarpone e confettura di fragole: la farcia è goduriosa e consolante, il decoro porta in tavola qualche segno della primavera che non troviamo fuori della finestra.

E’ stata la prima volta che ho usato questa tecnica di decorazione, e per chi non la conosce sappiate che è’ più lunga descriverla  che  metterla in pratica, quindi se  volete provare vi dico che con pochissimo tempo ottenete un dolcino di sicuro effetto. Tenete conto che per la miglior riuscita dovete lasciarlo riposare in frigo  per qualche ora in modo che si compatti bene.

E ora non mi resta che darvi la ricetta e sperare in un raggio di sole!

Rotolo fiorito con crema al mascarpone e confettura di fragoleRotolo fiorito con crema al mascarpone e confettura di fragole

Ingredienti  per  un rotolo da 35 cm circa

Per il biscotto

4 uova

120 g di zucchero

150 g di farina

3 g di cacao amaro ( serve per scurire leggermente il biscotto, si può omettere volendo)

6 g di lievito

Per  il decoro

15 g di albume

15 g di burro pomata

40  g di farina

10 g di zucchero

Qualche goccia di colorante rosa in gel o polvere

Per  la farcia

30/50 ml di liquore ( alla fragola, all’arancio o al limone) o succo di fragola

300 g di  mascarpone

100  g di panna fresca

30 g di zucchero

1 vasetto di confettura di fragola (o ciliege)

 

Su di un foglio di carta forno  della dimensione della teglia su cui va cotto il biscotto ( 40×30 circa la mia) disegnare con una matita il motivo da realizzare : in questo caso delle margherite.

Girare il foglio e adagiarlo sulla teglia in modo che la parte disegnata sia a contatto con il fondo della teglia.

Preparare la glassa per il decoro mescolando l’albume leggermente sbattuto con tutti gli ingredienti fino a formare un composto liscio.Inserirlo in una sac a poche  con beccuccio liscio  con punta sottile o  in una del tipo usa e getta  a cui tagliare la punta in modo da avere un piccolissimo foro.

A questo punto disegnare con la glassa le margherite,seguendo  le figure a matita.

 Mettere la teglia in congelatore per  15 minuti.

 Nel frattempo montare le uova intere con lo zucchero finché il composto ‘scrive’. Setacciare la farina, il cacao ed il lievito. Aggiungerlo a pioggia alle uova montate mescolando dal basso verso l’alto per non smontare il composto.

Togliere la teglia dal congelatore, versarvi l’impasto  livellandolo con una spatola. Infornare  e  cuocere finché non risulta dorato (nel mio forno  10 min.)

Spolverizzare  con  un po’ di zucchero  uno strofinaccio o un forno di carta forno su cui rovesciare il biscotto non appena tolto dal forno : la parte decorata in questa fase è rivolta verso di voi.

Staccare  con delicatezza la carta forno di cottura, riappoggiarla sul biscotto e  con un movimento delicato ma veloce girare sottosopra la pasta biscotto tenendola tra i  due fogli di carta forno.

A questo punto la parte decorata è rivolta verso il tavolo. Arrotolare delicatamente la pasta biscotto lasciando  i fogli di carta forno e far intiepidire.

Semimontare la panna con lo zucchero, aggiungere il mascarpone e continuare  a montare  per  massimo un minuto.

In una ciotola versare la confettura e ammorbidirla leggermente  con un frusta.

Riaprire il rotolo, togliere la carta da forno superiore, bagnarlo  leggermente con il liquore o il succo. Spalmare  prima uno strato abbastanza sottile di crema  al mascarpone su tutta la superficie, e poi lo strato di marmellata.

Riarrotolare  il tutto aiutandosi  con la carta forno inferiore, il più strettamente possibile ma sempre delicatamente.

Lasciarlo riposare in frigo per  almeno 3 ore avvolto da pellicola.

Rotolo fiorito con crema al mascarpone e confettura di fragole

 

Con questa ricetta  partecipo al Contest “Festeggia con me” di Sabrinaincucina

CONTEST FESTEGGIA CON ME

Barrette con cioccolato albicocche semi di lino ed anice

Grazie al Cakes Lab Test & Taste ho preparato le mie prime barrette.
Non so se saranno anche le ultime!
Non è che non sia soddisfatta del risultato, al contrario!!
Sono molto buone. Troppo!!
Una tentazione continua per me che adoro tutto ciò che ‘scrocchia’.
Sono facilissime da preparare, così le consiglio vivamente a tutti, in particolare a coloro che sono più sportivi di me ed hanno bisogno di un buon apporto energetico.
Vanno benissimo anche per i ragazzi: mio figlio le ha molto apprezzate.
Certo, visto che ho ancora il sacchettino di fiocchi di avena in dispensa, credo proprio che per cause di forza maggiore sarò ‘costretta’ a preparare qualche altra barretta.
Vorrà dire che, piena di energia, farò qualche bella passeggiata in più.
Tanto è arrivata la primavera!!! 😉 

Barrette con cioccolato albicocche semi di lino ed anice

Barrette con cioccolato albicocche semi di lino ed anice

70 g di albicocche disidratate
60 g di farina integrale
1\2 cucchiaino di sale fino
40 g di mandorle tritate
20 g di semi di anice
20 g di semi di lino
120 g di fiocchi d’avena
4 cucchiai di miele
2 cucchiai di sciroppo d’acero
100 g di cioccolato bianco

Accendere il forno a 180° e rivestite di carta forno una teglia quadrata 20×20 o una placca come nel mio caso.
In una ciotola unire farina sale, mandorle e  le albicocche tagliate a piccoli pezzetti.
Tostare i vari semi con i fiocchi d’avena per circa 2 minuti a fuoco medio.
Lasciarli intiepidire e poi unirli agli altri ingredienti.
Scaldare il miele e unire anch’esso al resto mescolando per bene con un cucchiaio di legno. A questo punto aggiungere lo sciroppo d’acero.
Versare il composto nella teglia,livellarlo e compattarlo formando uno spessore di circa 1 cm.
Infornare per circa 20 minuti.
Le barrette sono pronte quando sono di un bel color caramello.
Togliere la teglia dal forno e tagliare le barrette finchè sono ancora calde e morbide.
Farle però asciugare almeno un paio d’ore prima di estrarle dalla teglia.
Sciogliere il cioccolato al microonde o a bagnomaria e spalmarlo sul fondo della barretta.
Far asciugare il cioccolato ( meglio se in frigo) per 1 ora.

Barrette con cioccolato albicocche semi di lino ed anice

Con questa ricetta partecipo al Contest ” Crazy Taste” del Cakes Lab Test & Taste

Barrette con cioccolato albicocche semi di lino ed anice