Gnocchi ripieni di ventricina

Gnocchi ripieni di ventricina

Facili da realizzare,morbidi, gustosi gli gnocchi rappresentano un piatto molto apprezzato in tutta la penisola.

Anche sulle tavole molisane  troviamo gli gnocchi conditi con sughi classici di  pomodoro,  di carne o di pesce.

Per  l’appuntamento di questo mese con  L’Italia nel Piatto. voglio proporvi, questa volta una  ricetta non tradizionale : gli gnocchi ripieni di ventricina e pecorino stagionato.

Questi due ingredienti, tipici prodotti molisani, sono nascosti all’interno dello gnocco di patata. Si ottiene un piccolo scrigno dove   alla dolcezza della patata  si contrappone il piccante della ventricina e il sapido  del pecorino, alla morbidezza dello gnocco si unisce la granulosità della ventricina sminuzzata finemente.

Con questo ripieno ricco di sapore,  è sufficiente avvolgere gli gnocchi in un semplice sugo di pomodoro e basilico.

Gnocchi ripieni di ventricina

Ingredienti Pe 4 persone 1 kg di patate 200/300 g di farina 100 g di ventricina molisana piccante 40 g di pecorino stagionato Sale Per il condimento Un barattolo di passata di pomodoro da 400g Uno spicchio di aglio Olio extra vergine di oliva Sale Un mazzetto di basilico Preparate il sugo. In un tegame versate un cucchiaio abbondante di olio d’oliva e aggiungete 1 spicchio d’aglio . Non appena l’aglio comincia a sfrigolare versate la passata di pomodoro nel tegame. Quando la passata incomincia a bollire salate e continuate la cottura fin quando il pomodoro non è ristretto e l’olio inizia a affiorare sulla superficie. Unite qualche foglia di basilico ( lasciatene qualcuna da parte) e fate cuocere per qualche minuto. Spegnete e coprite. Nel frattempo cuocete le patate in abbondante acqua e quando saranno lessate scolatele sbucciatele e riducetele in purea servendovi di uno schiacciapatate o di un passaverdure. Versate la purea su un tagliere di legno e formate una fontana. Fate raffreddare leggermente. Mentre le patate cuociono tritate a coltello molto finemente la ventricina ( non usate il mixer perché la ventricina molisana è un insaccato tagliato a coltello e quindi non deve essere cremoso ) Aggiungete la farina un po’ alla volta e un pizzico di sale e iniziate a lavorare tutti gli ingredienti con le mani fino ad ottenere un impasto omogeneo, liscio e compatto. Non esagerate con la farina, l'impasto deve essere morbido e non appiccicare alle mani. Infarinate il tagliere e prendendo un pezzettino di impasto formate un rotolino di circa 1 cm di diametro. Ricavate dal rotolo tanti pezzettini da 1,5cm . Schiacciateli con il pollice fino a formare un dischetto. Riempite ogni dischetto con un po’ di ventricina e un pizzico di pecorino. Chiudete l’impasto attorno al ripieno, sigillandolo bene e fate rotolare lo gnocco sul palmo della mano fino a dargli una forma tonda; proseguite così fino a terminare l’impasto. Cuocete gli gnocchi in abbondante acqua salata. Conditeli con il sugo al pomodoro caldo , qualche fogliolina di basilico fresco e spolverate a piacere con il pecorino rimasto.

Ingredienti
 Pe 4 persone
1 kg di patate
200/300 g di farina
100 g di ventricina molisana piccante
 40 g di pecorino stagionato
Sale
Per il  condimento
Un barattolo di passata di pomodoro da 400g
Uno spicchio di aglio
Olio extra vergine di oliva
Sale
 Un mazzetto di basilico

Preparate il sugo.

In un tegame versate un cucchiaio abbondante di  olio d’oliva e aggiungete 1 spicchio d’aglio . Non appena l’aglio comincia a sfrigolare versate la passata di pomodoro nel tegame.

Quando la passata incomincia a bollire salate e continuate la cottura fin quando il pomodoro non è ristretto e l’olio inizia a affiorare sulla superficie.

Unite qualche foglia di basilico ( lasciatene qualcuna da parte) e fate cuocere per qualche minuto. Spegnete e coprite.

Nel frattempo cuocete le patate in abbondante acqua e quando saranno lessate scolatele  sbucciatele e riducetele in purea  servendovi di uno schiacciapatate o di un passaverdure. Versate la purea su un tagliere di legno e formate una fontana. Fate raffreddare leggermente.

Mentre le patate cuociono  tritate a coltello molto finemente la ventricina ( non usate il mixer perché la ventricina  molisana è un insaccato tagliato a coltello  e  quindi non deve essere cremoso )

Aggiungete la farina un po’ alla volta e un pizzico  di sale e iniziate a lavorare tutti gli ingredienti con le mani fino ad ottenere un impasto omogeneo, liscio e compatto. Non esagerate con la farina, l’impasto deve essere morbido e non appiccicare alle mani.

Infarinate il tagliere e prendendo un pezzettino di impasto formate un rotolino di circa 1 cm di diametro.

Ricavate dal rotolo tanti pezzettini da  1,5cm . Schiacciateli con il pollice fino a formare un dischetto.

Riempite ogni dischetto con un po’ di ventricina e un pizzico di pecorino.

Chiudete l’impasto attorno al ripieno, sigillandolo bene e fate rotolare lo gnocco sul palmo della mano fino a dargli una forma tonda; proseguite così fino a terminare l’impasto.

Cuocete gli gnocchi in abbondante acqua salata.

Conditeli con il sugo al pomodoro caldo , qualche fogliolina di basilico fresco e spolverate a piacere con il pecorino rimasto.

Una valanga di gnocchi, questo mese,  sulle tavole italiane
Emilia-Romagna: I pinoli, detti pin 


9 thoughts on “Gnocchi ripieni di ventricina”

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.