Crostata al pompelmo

Crostata al pompelmo

Amo molto l’amaro  (originariamente avevo scritto adoro ma dopo il post di presentazione del libro  @Cook_my_books della settimana da parte di Alessandra ho ridimensionato i temini) e in casa sono l’unica, praticamente.

Solo da pochi anni ad esempio mangiamo tutti la cicoria, uno dei cibi che è per noi è il termine di paragone  della scala ‘Bitter’. Stessa cosa con il radicchio e  i cavolini di  Bruxelles, ad esempio.

Dal libro Bitter  di Jennifer McLagan,  da un lato avrei quindi  provato tutto e dall’altro dovevo fare i conti, più del solito, con i gusti casalinghi.

Ho approfittato quindi  della presenza di amici per preparare questa crostata al pompelmo che, altrimenti non avrei potuto mangiare tutta da sola.

Non sapevo se anche i miei amici amassero le torte agli agrumi (ho preparato per sicurezza anche dei biscottini) invece la crostata è piaciuta molto e non è avanzata nemmeno un pezzettino. Evviva.

Crostata al pompelmo

Per 8 persone
Pasta frolla
125 g di farina
Un pizzico di sale marino fino
75 g di burro freddo non salato, tagliato a dadini
1/2 uovo
33 g di zucchero a velo
Ripieno
3 uova
Sale marino fino
2 pompelmi piccoli
90 g di burro non salato
100 g di zucchero a velo
150 g di zucchero semolato
175 ml di acqua

Versate la farina e il sale in un robot da cucina e frullate per mescolare. Aggiungete il burro e frullate finché il composto non si formeranno grosse briciole. Trasferiteil composto in una ciotola capiente.

In un’altra ciotola, sbattete insieme l’uovo e lo zucchero. Versate il composto di uova sulla farina poi mescolate con una forchetta. Strizzate un po’ del composto tra le dita. Se si tiene insieme, trasferite l’impasto su una superficie leggermente infarinata; in caso contrario, aggiungete un paio di cucchiaini di acqua ghiacciata e riprovate.

Lavorare delicatamente l’impasto fino a formare una palla e appiattitela formando un disco che avvolgerete nella pellicola trasparente. Conservate e in frigorifero per almeno 30 minuti prima dell’uso.

Stendete la pasta frolla su una superficie infarinata e foderate una tortiera da 23 cm. Bucherellate la base della crostata con una forchetta fino alla parte metallica, quindi riponete in frigorifero per almeno 30 minuti.

Mettete una leccarda o una pietra per pizza nel forno e preriscaldatelo a 190°C.

Separate una delle uova e aggiungete il tuorlo alle altre 2 uova. Montate l’albume con un pizzico di sale.

Foderate la crostata con carta da forno e riempitela con i fagioli secchi. Mettetelo sulla teglia calda e cuocete fino a quando la pasta si sarà solidificata, circa 15 minuti. Togliete la carta ed i fagioli e continuate la cottura per altri 5 minuti o fino a quando la base sarà leggermente colorata. Togliete il guscio della crostata dal forno e abbassare la temperatura del forno a 160°C.

Nel frattempo grattugiate finemente la scorza di 1 pompelmo e spremetene il succo. Versate il succo in un misurino, dovreste avere da 150 a 175 ml. Versate il succo in un pentolino, aggiungete la scorza e portate ad ebollizione a fuoco medio. Fate bollire fino a  125 ml, circa 4 minuti. Lasciate raffreddare, quindi filtrare con un colino a maglia fine, spingendo sulla scorza per estrarre tutto il succo. Mettete il burro in un pentolino e fatelo sciogliere a fuoco basso; mettete da parte a raffreddare.

In una ciotola sbattete le uova e il tuorlo, poi aggiungete lo zucchero a velo. Continuate a sbattere finché lo zucchero non sarà ben amalgamato, quindi aggiungete il succo, il burro fuso e un pizzico di sale.

Spennellare la base della crostata con l’albume sbattuto, facendo attenzione che entri in tutti i buchi. Rimettetela in forno, sulla leccarda teglia, per 4 minuti.

Versate il ripieno nel guscio della crostata e cuocere fino a quando non si sarà solidificato, da 15 a 18 minuti; il ripieno dovrebbe essere ancora traballante, ma non liquido, al centro. Trasferire la crostata su una gratella e lasciare raffreddare completamente.

Tagliare il pompelmo rimanente a metà dall’alto verso il basso. Tagliare ciascuna metà a fette sottili da 3 mm. Vi serviranno circa 20 fette. Foderatee una teglia con carta da forno e posizionare sopra una griglia grande.

Mettete lo zucchero semolato in un pentolino e aggiungete l’acqua. Mettete sul fuoco basso e mescolare finché lo zucchero non si scioglie, quindi portare a ebollizione e far bollire per 1 minuto. Aggiungete solo le fette di pompelmo sufficienti per creare un singolo strato di frutta nello sciroppo. Coprite e e cuocete a fuoco lento fino a quando il midollo diventa traslucido, da 5 a 6 minuti. Usando una schiumarola, togliete le fette, scolatele e trasferitele sulla  griglia preparata. Aggiungete le fette rimanenti poco a poco e continuate a cuocere a fuoco lento, coperto, finché non saranno tutte cotte. Per la crostata ti serviranno 16 fette, quindi se 1 o 2 si sfaldano non preoccupatevi.

Dividete mentalmente la crostata in 8 porzioni. Su ogni porzione disporre 2 fette di pompelmo cotto, sovrapponendole in modo che il bordo della buccia sia verso l’esterno come vedete nella foto.

Note dell’autrice

L’alto contenuto di burro di questa pasta frolla può renderla un po’ più difficile da stendere rispetto ad altre; toglietela dal frigorifero circa 15 minuti prima di usarla. Se la frolla dovesse risultare troppo appiccicosa, mettetela, per stenderla, tra due fogli di carta forno. Questo non solo impedirà che si attacchi, ma ti aiuterà anche a posizionare la pasta frolla nella tortiera. La frolla si può preparare in anticipo e congelare.



Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.