Napoleonka

Napoleonka

Fra i tanti buonissimi dolci della tradizione polacca, la Napoleonka, o kremówka, è una della più note, anche per essere la preferita di Papa Giovanni Paolo II. È infatti conosciuta anche come kremówka papieska, ovvero “torta alla crema papale”.

Non poteva quindi mancare in un libro dedicato alla pasticceria  casalinga polacca come ‘The Sweet polish kitchen’ di Ren Behan, con il quale festeggiamo la centesima settimana di Cook_my _books.

Che sia proprio una versione casalinga lo vedete dalla semplicità della preparazione e dell’aspetto, certamente meno sofisticato di quanto siamo abituati a vedere,  per questa torta, nelle vetrine delle pasticcerie.

Ma la bontà e la golosità che l’hanno resa così popolare sono sicuramente garantite.

Napoleonka

Napoleonka

Per 6 persone
320 g (o 1 foglio) di pasta sfoglia (già pronta/da stendere)
2 cucchiaini di latte
2 cucchiaini di zucchero semolato
zucchero a velo, per spolverare
Per la crema pasticcera:
25 g  di maizena o fecola di patate
25 g  di farina 00
4 tuorli d’uovo
150 g di zucchero semolato
1 cucchiaino di semi  o pasta di vaniglia
250 ml di latte
250 ml di panna
100 g di burro a temperatura ambiente

 

Setacciare la maizena (o la fecola di patate) e la farina in una ciotola.

In una ciotola a parte, sbattete i tuorli con lo zucchero e la vaniglia, quindi incorporate metà del latte e metà della panna.

Versate questo composto nella farina nella ciotola e frullate fino a che il composto risulta liscio ed omogeneo .

In un pentolino scaldate leggermente l’altra metà del latte e della panna, quindi aggiungere il composto frullato pasticcera, mescolando continuamente e a fuoco basso per almeno 8-10 minuti. La crema si addenserà ma continuate a mescolare.

A questo punto dovete assaggiarlo: se sentite ancora il sapore della farina, tenetela sul fuoco ancora un po’ e aggiungete un po’ più di latte se diventa troppo densa. A questo punto potete aumentare la fiamma ma continuate a sbattere. Continuerà ad addensarsi una volta impostato. Una volta densa, togliete la crema pasticcera dal fuoco, trasferitela in una ciotola resistente al calore e coprite la superficie con pellicola in modo che non si formi la pellicina.

Quando la crema pasticcera è a temperatura ambiente. Versatela nella planetaria, frullate e poi aggiungete il burro,poco a poco, fino ad incorporarlo tutto. Riponetela nuovamente in frigorifero fino a completo raffreddamento, fino al momento di utilizzarla.

Preriscaldate  il forno a 200°C statico/180°C Ventilato

Preparate la teglia foderandola con carta da forno

Stendete la pasta sfoglia e tagliatela a metà nel senso della lunghezza, in modo da ottenere due fette lunghe. Disponetele sulla teglia foderata.

Bucherellate con una forchetta, spennellate entrambe le sfoglie con il latte e spolverizzate  con lo zucchero semolato.

Cuocete in forno per 10-15 minuti o  fino a doratura. Sfornate e lasciare raffreddare sulla teglia.

Per assemblare la torta, spalmate la crema pasticcera fredda su uno strato di pasta sfoglia.

Ricoprite con il secondo strato di pasta sfoglia e rimettete in frigorifero per almeno 2 ore, spolverate di zucchero a velo prima di servire.

 



Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.